mercoledì 7 febbraio 2018

L'uomo ombra (The Thin Man, 1934)

L'uomo ombra è il primo di una serie di 5 film interpretati dalla frizzante coppia Powell - Loy, che qui interpretano Nick e Nora Charles, marito e moglie (ex detective lui, ricca ereditiera lei) impegnati loro malgrado a indagare su un misterioso omicidio. 




Definire il genere di questo film è difficile, ma così difficile che venne addirittura coniato un nuovo termine per definirlo: il GIALLO-ROSA. L'uomo ombra infatti è un giallo, ma è anche un po' commedia, è una detective story, ma è anche molto glamour: un mix perfetto per allenare le celluline grigie (come direbbe Hercule) e per farsi quattro risate nello stile della commedia sofisticata degli anni '30.



La trama

L'inventore Clyde Wynant (Edward Ellis), poco prima di partire per un misterioso viaggio, scopre che la segretaria/amante Julia (Natalie Moorhead) lo tradisce, e come se non bastasse gli ruba pure i soldi. Pochi giorni dopo, Julia viene uccisa e i sospetti cadono su Clyde. Ma Dorothy, figlia di Maureen O'Sullivan è convinta che il padre sia innocente. Si susseguono una serie di eventi che vedranno coinvolti la famiglia di Wynant, le ambigue frequentazioni di Julia, la polizia e ovviamente Nick e Nora Charles che si troveranno a indagare sul caso.

L'uomo ombra si caratterizza per UNA COMICITA' IRONICA E RAFFINATA, purtroppo lontana anni luce da quella odierna. Powell e la Loy interpretano una affiatatissima coppia, una delle più riuscite della storia del cinema. Sono glamour, sono frizzanti, sono moderni e anche un po' alcolizzati. Abitano in un appartamento all'interno di un hotel di Manhatthan, dove tengono feste a base di superalcolici e tartine, ospitando sia avanzi di galera che agenti di polizia.  Al loro fianco c'è sempre Asta, una terrier fifona ma simpaticissima.







Tra le mie scene preferite c'è quella della coppia che, la mattina di Natale, gioca con i regali ricevuti, proprio come se fossero due bambini. Powell, sdraiato sul divano si diverte a sparare ai palloncini appesi all'albero con il fucile ad aria compressione, provando tiri in posizioni sempre più assurde sotto lo sguardo della Loy, che se ne sta seduta in poltrona con indosso camicia da notte e pelliccia, così bella da non volerla togliere nemmeno per stare in casa.


Curiosità

Skippy, il terrier che interpreta Asta, divenne una celebrità e interpretò anche altri ruoli in commedie anni '30, tra cui il famosissimo Susanna (Bringing Up Baby, 1938), al fianco di Cary Grant e Katherine Hepburn.




L'uomo ombra ebbe un tale successo da avere ben 5 seguiti e il filone si concluse nel 1947 (13 anni dopo il primo film):


  • Dopo l'uomo ombra (After the Thin Man, 1936), 
  • Si riparla dell'uomo ombra (Another Thin Man, 1939)
  • L'ombra dell'uomo ombra (Shadow of the Thin Man, 1941)
  • L'uomo ombra torna a casa (The Thin Man Goes Home, 1945)
  • Il canto dell'uomo ombra (Song of the Thin Man, 1947)  

1 commento:

Antonella S. ha detto...

Non l'ho mai visto, mi hai incuriosita. Grazie.
A presto.
Antonella